Articoli

Ipertrofia dei turbinati

Sintomi
I turbinati nasali (inferiori, medi, superiori) occupano la parete laterale della fossa nasale. Questi sono strutture ossee rivestite di mucosa situati lateralmente al setto. I turbinati hanno la funzione di riscaldare, umidificare e filtrare l’aria.
La presenza di turbinati ipertrofici può determinare la comparsa di senso di ostruzione respiratoria nasale, scolo di secrezioni di muco dal naso verso la gola, mal di testa, secchezza della bocca, alterazioni dell'odorato, sinusiti, crostosità e sanguinamenti nasali, comparsa di russamento ed apnee del sonno.
L’ipertrofia dei turbinati è generalmente riscontrabile in pazienti affetti da allergie, riniti, nei fumatori o nei pazienti con deviazioni del setto nasale.

Diagnosi
Il problema è diagnosticabile con una semplice rinoscopia anteriore, cioè una visualizzazione diretta della cavità nasale mediante specifici strumenti. La rinoscopia anteriore e la rinoscopia con l’ausilio delle fibre ottiche mettono in evidenza un ingrossamento dei turbinati, con significativa riduzione dello spazio all’interno delle fosse nasali.
Le fibre ottiche, precedentemente menzionate, possono essere rigide o flessibili , con dimensioni ed angoli di visione molteplici, così che introdotti nel naso permettono di visualizzare con precisione zone non altrimenti visibili
Accanto ad una valutazione diretta è assolutamente necessaria, una misura oggettiva della funzionalità respiratoria nasale, mediante una rinomanometria. L’esame è assolutamente semplice e non invasivo, e permette di valutare la resistenza che ciascuna cavità nasale offre al passaggio dell’aria.

Terapia
Il trattamento dell’ipertrofia dei turbinati può essere trattata mediante una terapia medica od un intervento chirurgico.
Per quanto riguarda la terapia medica possono essere utilizzati spray nasali a base di cortisone o decongestionanti che tuttavia nel tempo perdono di efficacia e peggiorano l’ostruzione. In caso di allergia documentata si usano antiistaminici o terapie personalizzate con vaccini.
Purtroppo le terapie mediche sono raramente risolutive per cui, spesso, è necessario effettuare un intervento chirurgico che ha la finalità di ridurre il volume dei turbinati.
L’intervento chirurgico può essere effettuato mediante:

  1. Una decongestione sottomucosa: effettuata mediante una piccola incisione sulla parte anteriore del turbinato e successivamente l’asportazione dell’ipertrofia, facendo attenzione a non toccare la mucosa che riveste i turbinati, al fine di rispettare la fisiologia e la funzionalità della respirazione.
  2. Decongestione con radiofrequenze: eseguita mediante l’inserimento di due elettrodi, introdotti nel corpo cavernoso del turbinato nasale e tramite l’emissione di onde radio che agiscono sul tessuto compattandolo e quindi riducendone il volume di circa 2/3.
  3. Decongestione con laser: con le stesse finalità degli interventi precedenti eseguita mediante l’ausilio del laser.

Il trattamento, qualunque sia la tecnica utilizzata, viene effettuato in regime ambulatoriale (cioè con dimissione a poche ore dall’intervento). La procedura è efficace, rapida ed indolore.

Decorso post operatprio
Il decorso è generalmente senza complicanze. È necessario eseguire un tamponamento nasale. I tamponi vengono rimossi dopo 2-4 giorni e la loro rimozione NON è dolorosa. Questo perché i tamponi nasali da noi utilizzati sono di un materiale (Lyofoam®) che ha la caratteristica di restare molto morbido senza aderire alle pareti del naso, cosicché possono essere rimossi senza alcun fastidio per il Paziente.
Non sono presenti ne lividi ne gonfiori. Il dolore postoperatorio, se presente, si controlla facilmente con terapia antidolorifica. Non ci sono precauzioni particolari da seguire, fatta eccezione per l’evitare intensa attività fisica nei giorni immediatamente successivi l’intervento.

CONTATTI IN DETTAGLIO

Sede amministrativa
Via Cola di Rienzo 28
00192 Roma
P.IVA 11730241004
T (+39) 06 93379588 - 93379589
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede operativa
presso la clinica Quisisana
Via Gian Giacomo Porro, 5
00197 Roma

Designed by Ostars.net
Scroll to Top